giovedì 21 giugno 2012

#44 Pilgrims don't wear pink



Qualche tempo fa, su un blog letterario americano, mi pare il famoso “The Story Siren”, ho trovato la copertina di un libro che mi ha colpito molto. Così l’ho salvata nel mio computer, ho cercato su Goodreads la trama e mi sono ripromesso di farci un articoletto sul mio blog. Il motivo per cui la cosa non è ancora avvenuta è che ho avuto difficoltà a tradurre la tramina – sì, ho intenzione di esercitarmi nella lingua inglese con una serie di letture estive in edizione originale. Oggi, però, controllando i documenti di word ho trovato il breve riassuntivo in lingua e un abbozzo della traduzione, che prontamente ho modificato e corretto, senza comunque riuscirci completamente. Comunque il senso generale dovrebbe essere chiaro. Il libro parla di una ragazza, mi pare, appassionata di quel periodo storico di cui parlo praticamente in ogni articoletto, composto dal Regency e seguenti. Non ho ben capito se il termine “Living” significa che gli impiegati devono impersonare una determinata figura umana, nel caso della protagonista Libby una pellegrina. Se non sbaglio, dovrebbe essere anche presente  un influsso vagamente paranormale, reso dalla figura dei fantasmi. Non so se ordinerò questo romanzo, o se arriverà mai in Italia, ma mi sembrava davvero abbastanza carino da presentarlo. 



Trama: Una storia di amori segreti, corsetti, e cospirazione.
Libby Kelting si era sempre sentita nata fuori del tempo. Non stupisce che leggendo romanzi storici amorosi, guardando adattazioni di Jane Austen, la completa esperta di storia abbia colto al volo l'opportunità di uno stage presso Camden Harbor, il più antico Living History Museum del Maine. Ma a Camden Harbor Libby è semplicemente fuori posto, non importa quanto carina lei sembri in un corsetto. Il suo collega amante dei gatti la vuole morta, il troppo-intelligente-per-il-proprio-bene giornalista locale continua a spingere i suoi bottoni, il suo splendido marinaio può essere più naufrago che sognatore – in più Camden Harbor è tormentata. Nel corso di un'estate indimenticabile, Libby impara che ragazzi, come i fantasmi, non sono sempre quello che sembrano
Autrice: Stephanie Kate Strohm 
Pagine: 204
                                                                      Casa Editrice: Houghton Mifflin Harcourt 

-Libby Kelting had always felt herself born out of time. No wonder the historical romance-reading, Jane Austen-adaptation-watching, all-around history nerd jumped at the chance to intern at Camden Harbor, Maine’s Oldest Living History Museum. But at Camden Harbor Libby’s just plain out of place, no matter how cute she looks in a corset. Her cat-loving coworker wants her dead, the too-smart-for-his-own-good local reporter keeps pushing her buttons, her gorgeous sailor may be more shipwreck than dreamboat — plus Camden Harbor’s haunted. Over the course of one unforgettable summer, Libby learns that boys, like ghosts, aren’t always what they seem.-

Nessun commento:

Posta un commento