giovedì 28 giugno 2012

#50! Minirecensione: L'ombra del vento



Dedico il cinquantesimo articoletto su questo blog con la recensione di  questo libro che ho letto ad Aprile, ma di cui fino ad ora non sono riuscito a scrivere una recensione. Si tratta de “L’ombra del vento” dello scrittore spagnolo Carlos Ruiz Zafòn. Non so bene quale sia stato il motivo per cui non ho scritto qualcosa, qualche considerazione. Magari perché, essendo passato ad altri libri, mi sono dedicato ad un commento riservato ad essi, dimenticando o mettendo in secondo piano questo romanzo. Mi è piaciuto davvero molto. Tante volte l’ho preso in mano, tempo fa, e successivamente abbandonato, quasi subito, ma ho sbagliato, senza dubbio. La volta decisiva, mi sono imposto di portarne a termine la lettura perché ero convinto che si trattasse di una storia davvero buona, anche alla luce delle recensioni entusiastiche e della testimonianza di mio fratello, che l’ha letto prima di me; considerato soprattutto che gli è piaciuto, nonostante lui non legga mai dei libri. Ho fatto bene a spronarmi: dopo le prime pagine poco interessanti, si giunge in seguito nel vivo di una storia decisamente avvincente e ben costruita, carburata dall’amore per i libri. Passato e presente si incontrano in un vortice di mistero al cui centro si muovono Daniel Sempere, il ragazzo protagonista, l’amico e collega Fermìn e il tenebroso scrittore Julian Càrax.
Mi sento di consigliare questo romanzo a tutti coloro che apprezzano le storie complesse, ricche di spessore, rese vive da protagonisti descritti con spessore, e decorate da qualche tinta gotica e misteriosa. Un romanzo davvero intrigante e appassionante. Non so però se procurarmi anche il secondo volume di questa saga (composta da romanzi autoconclusivi) dato che molti lettori che hanno attribuito il massimo voto a questo libro hanno aggiudicato il minimo al secondo, “Il gioco dell’angelo”; inoltre la trama non mi pare così buona. Intanto, però, assicuro che questa è una lettura che merita senz’altro.

{♣♣♣♣ ½ stelle}

Autore: Carlos Ruiz Zafòn
Casa Editrice: Mondadori
Giudizio: Promosso
Voto: 4 1/2
-Stile: 3 1/2
-Contenuto: 4 1/2
-Piacevolezza: 4 1/2

2 commenti:

  1. Bellissimo romanzo! Sinceramente a me è piaciuto anche Il Gioco dell'Angelo, in maniera inferiore, ma non da darci un voto negativo. Quelli di Zafon sono libri per molti versi simili, quindi secondo me andrebbero letti non uno di seguito all'altro, o potrebbero venire penalizzati dall'effetto fotocopia. Magari l'autore non è versatile, ma quando ho voglia di magia, surreale ed emozioni, so che con lui non sbaglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora magari proverò con gli altri romanzi di Zafòn! :)

      Elimina