mercoledì 4 luglio 2012

#53Libri e tesori in camera



Ehi, oh! Oggi, dopo un bel po’ di giorni, ho avuto modo di accaparrarmi un libro, ma uno di quelli con una bella copertina, con trama interessante e soprattutto con altissime possibilità di piacermi. Si tratta di “Chi è Mara Dyer” dell’autrice americana Michelle Hodkin. Un romanzo uscito nelle librerie da poco, ma che già ha trovato i suoi estimatori. E, ovviamente, io spero di essere tra quelli immediati futuri. 

Bellissima copertina.
Non avevo più denaro, ma sì una voglia di shopping librario, così mi sono messo a cercare nella mia camera degli spiccioli. Avete presente che nei film americani, i protagonisti adolescenti nella loro camera, magari sotto il letto trovano vecchi giocattoli, soldi, tranci di pizza ammuffiti? Beh, il mio caso è solo quello migliore. Ho recuperato qualche soldo per il libro che alla fine ho comprato. Yeah! Quando mi capita di trovare nei portafogli abbandonati nei cassetti che usavo anni fa, sono davvero contento (beh, ovvio). 
Bella copertina.
Dopo il libro di Kerstin GierIn verità è meglio mentire”, che mi ha deluso, non sono rimasto senza leggere nulla, non fa per me. Solo non avevo libri interessanti o appassionanti. Per esempio, ho riletto un libro che mia mamma mi ha comprato quando ero piccolo [e pensare che adesso i miei genitori mi sgridano un sacco se compro un libro! – Come oggi ;(], “Milly vampira per gioco – Il disastroso jackpot”. E anche il libro basato sul manga Vampire Knight, “Il peccato del ghiaccio blu – Il tempo fugace di un istante”; non mi è piaciuto molto, come non mi aggradano i romanzi tratti da manga, videogame o film. E poi per la scuola ho otto libri da leggere, tutti molto pesanti, direi. Ma in realtà ne posseggo solo quattro, e sono giunto a questa conclusione leggendo appena le prime pagine. Comunque ora mi sto impegnando a leggere “La coscienza di Zeno” di Italo Svevo.  Non è certo così avvincente. Per ora, non voglio fornire un giudizio affrettato, lo trovo un libro che non leggerei mai per mio interesse personale, così come lo sto navigando, pagina dopo pagina, in attesa della fine, senza il benché quasi minimo interesse. La storia racconta della vita di Zeno Cosini, in episodi, dal vizio del fumo, la morte del padre, la scelta della moglie… per ora sono arrivato a questo punto. Penso proprio che non migliorerà, ma se non altro spero di finirlo. E spero pure che “Il fu Mattia Pascal”  di Luigi Pirandello sia decisamente migliore – come pare, in quanto opera di un premio Nobel.
Ciao a tutti!

2 commenti:

  1. Spero che Chi è Mara Dyer ti piaccia :D Se ti attira così tanto, magari riuscirai ad apprezzarlo più di quanto abbia fatto io ^^

    RispondiElimina