giovedì 13 settembre 2012

#72Recensione: Dragon's Oath di P.C. & Kristin Cast




Avevo già avvisato i lettori del mio blog della mia incessante dipendenza da una saga letterario che reputo motivatamente perversa ma affascinante, La Casa della Notte e del mio accanimento a voler terminare più romanzi o racconti o graphic novel in lingua inglese possibili. Beh, alla fine, unendo le cose, viene fuori che cerco le migliori offerte su amazon.it per cercare i capitoli, inediti in Italia e non, della saga principale e i vari spin-off. Per ora ho acquistato e letto solo la novella (racconto) Dragon’s Oath, pubblicata in patria tra Awakened e Destined, e che tratta appunto dell’insegnante di scherma della scuola superiore per vampiri, Bryan “Dragon” Lankford. Sono davvero soddisfatto di essermi procurato tale breve testo, se non altro come favore per il mio inglese – l’ho tradotto davvero bene, anche grazie alla brevità. Allora posso esporre il mio pensiero.

Come ho già accennato, il racconto è mediamente breve e così accessibile a chi non fosse proprio esperto nella lingua ma voglia leggerlo lo stesso in quanto per ora in Italia non si è data notizia di un’eventuale pubblicazione.

Lo stile, per quello che posso aver capito, non è strettamente da rapper di strada come nella saga principale, ma più quieto. 

I punti di vista sono più o meno due, quello di Dragon nei brani riservati al presente, e quello dell’amata Anastasia, l’insegnante di incantesimi e rituali, nelle parti che trattano del passato.       
   
Grazie a queste storie secondarie della serie si possono avere scorci di diverse Case della Notte, in questo racconto si parla di quella di Tower Grove, con la sua Somma Sacerdotessa, i suoi Figli di Erebo, i suoi insegnanti e i suoi novizi. 

La descrizione del periodo storico dell’Ottocento, periodo in cui la coppia dei due vampiri diventa tale, è praticamente assente: a questo contribuisce il fatto che il contesto vampiresco è molto più liberale rispetto ai ceti umani del tempo – e qui la mia perplessità riguardo a certi tendenze perverse della saga cresce -, e alla brevità e linearità della narrazione.

Si può dire che l’opera sia un portrait, un ritratto, di Dragon, della sua storia d’amore con la bella Anastasia, e delle reazioni, secondo me legittime, anche se le autrici vogliono farle sembrare negative, che ha in seguito alla dipartita di quest’ultima, e della ragazza.

Anche nel passato, come si vede, è presente il solito umano cattivo, pazzo, che odia i vampiri, e quindi la solita guerra di ideologie, i soliti rituali, noiosi e banali, e pure lo spirito di qualcuno che si farà vedere da Zoey e i suoi amici. E’ quest’incontro un arrivederci e un motivo di svilimento da parte di Dragon, che non è stato così capace di tenere fede al suo giuramento (oath), temperando la forza con la misericordia…

{♣♣♣- - stelle}

Autrici: PC & Kristin Cast
Casa Editrice: atom books
Giudizio: Promosso
Voto: 3- -
-Stile: /
-Contenuto: 3- -
-Piacevolezza: 3

Nessun commento:

Posta un commento