venerdì 21 febbraio 2014

Recensione - Morti viventi a Dallas

Living Dead in Dallas (Sookie Stackhouse, #2)Living Dead in Dallas by Charlaine Harris
My rating: 2 of 5 stars


Di Living Dead in Dallas avevo visto parte della serie televisiva quando non avevo ancora l'età adatta per poter esserne uno spettatore. Avevo odiato la figura di Godric e la vicenda in sè mi era sembrata troppo esagerata, come se i suoi protagonisti si prendessero troppo sul serio.
Prima ancora della trasposizione televisiva, mi sono avvicinato alla saga di Charlaine Harris quasi cinque anni fa, quando non avevo avevo l'età adatta per esserne lettore. Avevo trovato noiose e un pò irritanti le scene di unione carnale della protagonista con il vampiro Bill.
Tempo fa mi è tornata la voglia di leggere questa saga, ancor più che in là con le vicende si affacciano alla trama le fate, e a me le storie di fate hanno sempre affascinato (mentre dei vampiri mi si è affievolita la passione).
Lo ammetto: non ricordavo che la prosa di questa scrittrice fosse così brutta. Va bene, non è il libro migliore della saga e più si va avanti più la storia si fa accattivante, ma avrei preferito gradire questo libro. Così non è stato.
O ho letto una copia taroccata, oppure ogni aspetto del romanzo è trattato in modo decisamente affrettato, visto dal punto di vista di una Sookie che appare più egoista e sciocca che mai. La trovo sciocca perchè si fa trattare come un oggetto dal suo caro fidanzato, esageratamente geloso e morboso, e perchè si considera così colta in quanto conosce il significato del termine "confutare". Qualcuno dovrebbe dirle che essere una cameriera non significa che debba pensare solo a servire i clienti che le toccano il sedere e ad arrabbiarsi per questo e a credersi tanto colta quando invece non lo è. Trascorrere la vita tra lavoro come cameriera e letto con un vampiro è un pò limitante, direi.
Non si può, inoltre, dare onore al merito del mistero all'interno di questo libro perchè, a differenza del capitolo precedente, non è un vero mistero con conseguente svelamento. La suspance del caso è inesistente e una risoluzione poco sentita.
Perchè, poi, dare poco spazio a eventi importanti come l'attacco della menade, la morte di Godric (che, tra parentesi, nel libro non è nemmeno colui che ha trasformato Eric) -che avviene con tre parole, "e prese fuoco."- e la diffusione della follia in alcuni degli abitanti di Bon Temps (e non come nella serie tv in tutta la città per diverso tempo)? La fretta di queste descrizioni ha significato minore trepidazione.
Una delle poche cose belle del libro è Eric, che spero si scoprirà in tutto il suo fascino nei capitoli seguenti.

View all my reviews

Nessun commento:

Posta un commento