domenica 16 marzo 2014

Recensione - Il Diario del Vampiro: La Lotta

The Struggle (The Vampire Diaries, #2)The Struggle by L.J. Smith
My rating: 3 of 5 stars

Bisogna ricordarsi che questa saga di quattro libri è stata pubblicata negli anni Novanta, perciò l'esiguità della trattazione non deve stupire troppo. Magari può non essere gradita, ma non deve stupire.

Quattro anni fa, nello stesso periodo, lessi il primo capitolo de Il Diario del Vampiro, trovandolo deludente ma comunque gradevole. Questo secondo romanzo è un pochino più piacevole, anche se più corto. Le descrizioni sono ridotte all'osso, tanto che talvolta certe azioni o comportamenti risultano un poco fuori posto. Inoltre mai una volta che ci siano citazioni di libr, film o quant'altro che andasse di moda in quel periodo, qualcosa che potesse far assaporare l'atmosfera di quegli anni. Se non altro non c'è la possibilità che parole tipo walkman vengano modificate in ipod, come nel caso di Kissed by an Angel di Elizabeth Chandler, del 1995 (che io non ho letto, ma leggendo recensioni ho scoperto ciò). Il finale, poi, in linea con lo svolgimento della vicenda è velocissimo, non si riesce neanche a gustarlo. In un attimo succede quella cosa che sapevo sarebbe successa grazie agli spoilers da Wikipedia e che aspettavo con attesa, e poi Stefan, il coprotagonista, che è il personaggio più PIATTO della storia (tanto che sembra che Elena sia innamorata di un ragazzo che solo lei si immagina), cambia totalmente e tira fuori le unghie e... finisce il libro.
Poi il fatto che tutti a Fell's Church guardino Stefan come un terrorista senza prove evidenti mi pare un pò eccessivo... ma tant'è.
La traduzione italiana è veramente penosa; sono sicuro che se li leggessi in inglese gradirei maggiormente.
In futuro leggerò il seguito e poi l'ultimo libro della saga. Gli altri, che sono compresi nella mia edizione omnibus, li eviterei, dato che sono stati aggiunti per cavalcare la moda vampiresca del 2009 e non perchè la Smith avesse veramente desiderato scriverli.

View all my reviews

Nessun commento:

Posta un commento